Passa ai contenuti principali

Come è cambiato il panorama del Fitness Market in Italia?: Report 2008 Vs Report 2017

Tutti gli anni, da quando Deloitte certifica i dati del mercato Europeo del Fitness , siamo curiosi di vedere come effettivamente stia crescendo questo settore, che tutti i giorni viviamo e siamo tutti coinvolti nello spingere un movimento, quello dell’attività fisica del benessere e del fitness, come proprio credo e stile di vita, chi più chi meno.
Ebbene quest’anno il report pubblicato da Europeactive in collaborazione con Deloitte durante il convegno di Colonia, mi ha veramente sorpreso.
A parte il dato della crescita della penetrazione del fitness sulla popolazione attiva anno su anno, si parla di una crescita dello 0,3% nel corso del 2016 rispetto al 2015, quindi molto bassa, ho voluto per curiosità andare a rispolverare il report di Deloitte del 2008 in merito al Mercato Europeo del Fitness, in collaborazione allora con IHRSA:
i dati sono davvero sorprendenti.
Ebbene, la Deloitte certificava nel 2008 nel mercato italiano un tasso di penetrazione del fitness (percentuali di abbonati su popolazione) del 9,5%.
I soci attivi erano stimati in 5,5 milioni
Ora i dati ci parlano di un mercato che conta di 5.250.000 memberships.
Ora, se dobbiamo a stare ai numeri, il tasso di penetrazione del fitness in Italia in 9 anni ha perso 0,8 punti in percentuale, passando dal 9,5% all' 8,75% attuale, come certificato nell’ultimo report di Deloitte.
Questi dati rispecchiano una situazione italiana che in questi 9 anni ha visto una recessione economica che non ha precedenti, ma quello che mi fa più sconcerto è che nel medesimo periodo la penetrazione nel mercato tedesco è passata da un 7,5% ad un 12,3%.

Forse che il modello Low Cost tedesco ha contribuito in maniera decisiva a questa crescita di quasi 5 punti? 

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…