Ma perché le chatbot sono sotto i riflettori?


La tecnologia è in uno stato di flusso continuo e mentre alcuni trend tecnologici sono destinati ad essere passeggeri, altri domineranno l’industria negli anni a venire.
La 
messaggistica social è uno dei trend più incisivi; è opinione diffusa che, nel complesso, le persone trascorrano sempre più tempo sulle piattaforme di social messaging che sui social stessi, in particolare, i Millennial.
Il crescente interesse per le chatbot riflette anche un 
cambiamento culturale verso la messaggistica social. Così come gli utenti sono migrati verso le applicazioni dagli SMS, allo stesso modo hanno adottato l’interfaccia familiare delle chatbot. E più tempo si trascorre nel ambiente della messaggistica social, meno si aprono le applicazioni tradizionali per lo svolgimento di operazioni anche semplici.
Attualmente molte grandi aziende del settore tech stanno sviluppando chatbot con l’idea anche di progettare piattaforme più complesse: ad esempio Facebook ha annunciato ad aprile di aver aperto la sua piattaforma Messenger per chatbot di terze parti. 
Facebook Messenger ha attualmente più di 900 milioni di utenti mensili, e ora Facebook vuole trasformare la sua app di messagistica consentendo al suo interno anche transazioni commerciali.