Passa ai contenuti principali

Utilizzo defribrillatore nelle società sportive


Dal 1 gennaio 2015

OBBLIGO DEL DEFIBRILLATORE
Il DAE e’ obbligatorio: 1. su ogni Mezzo di Soccorso di Base (MSB) e Intermedio (MSI) inserito nel sistema di emergenza sanitaria regionale 2. sui mezzi di soccorso che prestano assistenza a manifestazioni sportive o eventi organizzati per i quali e’ prevista un’assistenza sanitaria 3. presso Societa’ Sportive sia professionistiche sia dilettantistiche e all’interno d’impianti sportivi (es. palestra), nonche’ durante lo svolgimento delle attivita’ sportive (es. attivita’ fuori da scuola) 4. sui mezzi deputati al trasporto sanitario e sanitario semplice soltanto per i soggetti che beneficiano dell’assegnazione delle apparecchiature 5. nei luoghi facenti parte di un progetto PAD (pubblico accesso alla defibrillazione) strutturato e autorizzato Il DAE e’ fortemente consigliato: 1. nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, pubbliche e private, accreditate o autorizzate, ove non sia gia’ presente una risposta all’ emergenza, strutturata o istituzionalizzata, che preveda l’impiego di un defibrillatore (es. studi medici, ambulatori dentistici) 2. in ambienti a elevata densita’ di popolazione (es. ipermercati) Il DAE e’ utile: 1. nelle strutture, fisse e/o mobili, nell’ ambito d’istituzioni coinvolte nella gestione dell’ ordine pubblico ed emergenza (es. polizia locale) 2. in luoghi pubblici non rapidamente raggiungibili dal sistema di emergenza 3. per le localita’ remote sono state identificate le farmacie quali sedi di collocazione dei DAE 4. negli ambulatori delle strutture sanitarie e nelle strutture ambulatoriali 5. in ambito domiciliare, per quanto riguarda i pazienti potenzialmente a rischio di morte cardiaca improvvisa



Allegati:

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…