Passa ai contenuti principali

Dall' Inghilterra con furore: l'allenamento HIIT #allenamento funzionale

Lavoro, scuola, spesa e cena da preparare; per molti di noi trovare del tempo libero da dedicare alla propria salute e al movimento a volte sembra davvero quasi impossibile.
Però in verità bastano pochi minuti ogni giorno per svolgere qualche semplice esercizio e stare in forma.

Dall' Inghilterra con furore: l'allenamento HIIT
Secondo una nuova ricerca condotta in Inghilterra non vi sarebbe bisogno di moltissimo tempo per effettuare qualche esercizio fisico. Dimentichiamo allora sudate di ore in palestra o corse a perdifiato al parco: per questi ricercatori inglesi basterebbero 3 minuti (addirittura alla settimana) per attivare al meglio il nostro organismo e trovare giovamento soprattutto dal punto di vista cardiovascolare.
Dall'Università di Birmingham, in collaborazione con le Università di Bath e di Nottingham, Jamie Timmons, biologo e professore di Biologia dell'Invecchiamento, ha condotto uno studio su 300 volontari “impiegati” in un nuovo metodo.
L'allenamento si chiama HIIT, acronimo di High Intensity Interval Training; si tratta di 3 ripetizioni da 30 secondi l'una, da fare con una potenza massima, riposandosi un solo minuto al termine degli esercizi. L'attività potrà essere scelta tra corsa, bicicletta o canottaggio o molto più semplicemente salire e scendere le scale di casa.
Per i risultati finali e definitivi bisognerà attendere il 2015, ma i parziali dimostrano un buon rapporto tra lo sviluppo della massa magra rispetto a quella grassa.http://www.yorkregion.com/news-story/5608498-try-mixing-it-up-with-these-fitness-trends/

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…