Passa ai contenuti principali

Il settore fitness in Spagna è in ottima salute dopo un crollo di sei anni



Silvia García, 28 anni, dice di sentirsi irritabile se passano pochi giorni senza andare in palestra. Ha iniziato ad allenarsi con costanza da quattro anni dopo che una cosiddetta palestra "low-cost" ha aperto nel suo quartiere di Madrid. Da allora è diventata una parte importante della sua vita, a cui dedica almeno sette ore alla settimana su cinque sessioni di allenamento. Si paga 19 € al mese e in grado di funzionare in qualsiasi momento tra le 06:00 e mezzanotte, sette giorni alla settimana. Le sue classi preferite sono zumba (esercizi di danza alla musica) e g-box (formazione pugilato).

Il modello palestra a basso costo, che si basa sulla riduzione dei costi operativi al minimo al fine di attrarre un gran numero di utenti - ha permesso al settore del fitness in Spagna di uscire dalla crisi, dopo un crollo di sei anni, secondo un nuovo sondaggio dalla società di consulenza Dbk.


Il sondaggio, afferma spagnoli sono tra i più attenti alla forma fisica in Europa, con circa 4,9 milioni di persone hanno un’iscrizione in palestre. In Francia la cifra è di cinque milioni, il Regno Unito 8,3 milioni, e 9,1 milioni per la Germania.

Il settore vale 2,1miliardi di € all'anno in Spagna, rispetto a € 2,4 miliardi nel Francia, 3,1 mld € in Italia, € 4,7 miliardi di Germania, e 5,1 mld € nel Regno Unito. Questi cinque paesi hanno una quota del 65% del mercato europeo, secondo il rapporto della Dbk, che stima che i 4.300 palestre in Spagna, 1.300 dei quali sono comunale, forniscono posti di lavoro per 59.000 persone.

Il modello a basso costo ha i suoi vantaggi, soprattutto, attrae un gran numero di persone; il rovescio della medaglia è che molti clienti si lamentano che tali palestre sono sovraffollate. Un sondaggio del produttore di attrezzature sportive Life Fitness dice che il 50% delle persone che si iscrivono a palestre abbandonano dopo sei mesi.
Secondo Ingesport, società spagnola specializzata nella gestione di palestre, tra cui il vasto complesso Vallehermoso a Madrid, uno dei più grandi del paese
il settore del fitness ha ancora un notevole potenziale in Spagna, un paese dove il 46% della popolazione dice che esercita regolarmente, ma solo il 10% lo fa in una palestra. Secondo Ingesport ci sono segnali incoraggianti: sempre più palestre comunali vengono appaltate ad aziende private, e la gente sta spendendo più sul fitness, che riflette una maggiore preoccupazione per la loro immagine e la salute.

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…