Passa ai contenuti principali

La tecnologia ci permette di vedere come è composto il nostro corpo: Rivoluzione Bioimpedenza

Molte palestre quando accolgono i loro clienti, svolgono un check tecnico d'ingresso per attestare lo stato dio forma della persona e spesso viene svolta una analisi impedenziometrica per calcolare la quantità di massa grassa e massa magra che abbiamo nel corpo.Spesso queste venivano svolte con degli elettrodi appoggiati lungo il corpo.

Oggi grazie alle moderne tecnologie , abbiamo dei sistemi di rilevazione molto precisi e per fasce muscolari in grado di darci , addirittura in 3D la composizione corporea.
E' questo il caso della piattaforma Styku che ho avuto modo di vedere ad Elevate 17 , una vera rivoluzione della bioimpedenza in quanto strumento utilizzato dai personal trainer per monitorare e motivare i loro clienti.
Una vero sistema di monitoraggio basato su sensori montati su una colonna frontale rispetto alla pedana dove si posiziona la persona.
Oltre a scannerizzare tutto il corpo , determina il rischio di obesità, e mette a confronto diversi parametri vitali.
Essendo integrata con Microsoft, tutta la scheda viene trasmessa su un software che attraverso diversi indicatori mette il cliente e il trainer nelle condizioni di sviluppare il programma di allenamento e monitorarlo nel tempo, anche in realtime.


Un altra testimonianza di come oggi la tecnologia ha cambiato l'approccio alla analisi corporea si è visto durante Riminiwellness con Inbody l’unico analizzatore di composizione corporea al mondo in grado di effettuare una misurazione multi segmentale e multi frequenziale con il soggetto misurato in posizione eretta.
A Rimini per 4 giorni non si contavano le file di persone disposte a farsi analizzare da questa macchina. 

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…