Passa ai contenuti principali

Groupon calpesta i diritti dei consumatori?

Groupon calpesta i diritti dei consumatori? Chi paga per i disservizi del sito web di coupon sconti tra i più utilizzati nel mondo? Altroconsumo, una tra le associazioni dei consumatori, ha preparato un dossier su alcuni problemi troppo frequenti tra chi utilizza Groupon. Tanto che a oggi si contano già circa 600 reclami
Per esempio un cliente, che ha acquistato un coupon per un massaggio, non è mai riuscito a fissare un appuntamento con il centro massaggi, perché sempre occupato, finché dopo mesi di tentativi ci ha rinunciato. A chi deve chiedere il rimborso del coupon? Al centro massaggi o al sito che ha venduto il coupon? Nelle condizioni contrattuali, il sito di social shopping si definisce mero intermediario tra il consumatore e il partner (in questo caso, il centro massaggi) e chiarisce che al partner spetta la titolarità del contratto e quindi scarica la responsabilità sul centro massaggi. Che dal canto suo non ha nessuna intenzione di rimborsare il coupon e rinvia il cliente al sito. A ragione. Infatti sarà il sito a doverla rimborsare.
Un altro consumatore ha comprato un coupon per una cena di tre portate. Il ristoratore lo tratta come cliente di serie B rifilandogli porzioni risicate e riduce il menu a due portate. Una prestazione inadeguata rispetto a quella pubblicizzata. A fine cena, poi, il cliente consegna il coupon al ristoratore e chiede lo scontrino, ma questi non lo fa sostenendo che deve rivolgersi al sito che gli ha venduto il coupon. Così il consumatore esce senza scontrino con il rischio di essere fermato dalla guardia di finanza e multato.
Questi sono tra gli esempi più frequenti registrati da Altroconsumo. Su queste pratiche scorrette l'associazione ha deciso di diffidare la società Groupon perché elimini le clausole vessatorie per i clienti, e oggi segnalerà l'iniziativa all’Antitrust affinché intervenga.
Ma la società replica. Ad oggi afferma di "non aver ricevuto alcuna comunicazione da Altroconsumo né da Adiconsum. Groupon", si legge in una nota, "ha potuto leggere solo in questa sede le rimostranze delle associazioni dei consumatori, rimostranze che intendiamo affrontare in un’ottica costruttiva con ciascun interlocutore al fine di migliorare sempre di più il nostro business. In ogni caso, segnaliamo che, ad oggi, non è stato aperto alcun procedimento nei nostri confronti, che siamo a completa disposizione di ogni Autorità, così come delle associazioni dei consumatori per fornire ogni dato e informazione che dimostri il nostro continuo sforzo nei confronti dei nostri clienti e dei nostri Partner commerciali".

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…