Passa ai contenuti principali

Rapporto Coop: gli italiani sono un popolo di sportivi, internauti e evasori

  Una «ripresa slow» quella dell'Italia, sostenuta dalle scelte del governo italiano e dalla congiuntura internazionale: prezzo del petrolio dimezzato, rafforzamento del dollaro e calo dello spread. È la fotografia scattata dal rapporto Coop 2015 presentato oggi a Milano. Più della crescita moderata del pil nazionale, secondo Coop, «è il sentiment a essere cambiato», con gli italiani che riprendono a consumare, soprattuto in beni durevoli, aumentati del 7% in poco meno di due anni.



Se il potere d'acquisto delle famiglie è cresciuto nel 2015 dell'1,5% - «+1% grazie alle politiche del governo», scrive Coop - le ferite lasciate da anni di crisi economica non sono ancora del tutto cicatrizzate: è pesante il divario nord-sud, con mille euro di differenza destinati alla spesa mensile dal Trentino alla Calabria. Il 52% degli italiani, inoltre, ritiene di appartenere alla classe operaia; nel
2008 era il 40%.

Qualche sorpresa viene invece dal profilo degli italiani che l'ufficio studi del gruppo disegna ogni anno: siamo i più palestrati e i più connessi d'Europa, con palestre che sono un totale record di 12mila mentre in media staremmo più di sei ore al giorno su internet, anche se la connessione con strumenti mobili sarebbe poco superiore alle due ore medie per utente del web e il resto verrebbe dal semplice uso del personal computer, più o meno on line.
La Coop insomma vede gli italiani nel suo rapporto annuale un po' più ricchi e di nuovo con qualche possibilità di risparmiare, certamente palestrati e connessi a Internet. Con una eredità della crisi però drammatica: dal 2007 le famiglie hanno perso potere d'acquisto per 122 miliardi, 75 dei quali in riduzione del consumi e 47 in taglio dei risparmi.
http://instoremag.it/featured/rapporto-coop-2015-la-ripresa-e-slow-ma-litalia-e-bipolare-i-programmi-del-retailer/20150903.78110

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…