Passa ai contenuti principali

Calcolare il ROI delle campagne di inbound marketing e lead generation

Per capire quanto il capitale investito in campagna pubblicitarie ritorna in termini di reddito occorre conoscere il ROI:“Return on Investment” che tradotto dall’inglese risulta come “Ritorno sull’investimento”. Viene utilizzato per indicare l’indice che identifica la redditività del capitale investito. Si tratta di una metrica prettamente finanziaria facile da calcolare se si sanno identificare gli elementi che compongono il numeratore (profitto, ossia guadagno lordo meno costo dell’investimento) e il denominatore (costo dell’investimento). Internet risulta essere l’unico media che permette di calcolare precisamente il ROI.

Nel caso in cui l’obiettivo fosse quello di generare traffico sul sito web, per il calcolo del ROI l’azienda potrebbe avvalersi dei seguenti parametri attinti dal sito o dal blog aziendale:
Traffico generato - il monitoraggio e il controllo del traffico generato dalle fonti “referral” e individuabile tramite Google Analytics, consente di misurare quanti visitatori confluiscono sul sito provenienti dai social media; un incremento del traffico originato da questi canali sarà un ottimo indicatore dell’efficacia di una campagna di social media marketing
Lead - l’analisi del traffico generato dai canali social, consente all’azienda di misurare quanti di questi visitatori si sono poi trasformati in contatti
Clienti - proseguendo lungo questa linea nel calcolo del ROI, si può misurare quanti lead (i visitatori approdati sul nostro sito dai canali social) sono divenuti clienti. La misura dei clienti reali è un indicatore di come le risorse investite nel social media marketing abbiano un valore intrinseco piuttosto elevato
Tasso di conversione – se l’azienda volesse effettuare un confronto del traffico generato dai diversi canali social previsti dal piano di marketing digitale, per verificare quale sia quello in grado di generare il maggior numero di lead, occorrerebbe avvalersi del valore percentuale, che permette di valutare la bontà di uno specifico social media rispetto agli altri canali. L’azienda ha a disposizione anche altri parametri da utilizzare per creare la propria formula del ROI e attinti da ciascun social media:
Penetrazione - corrisponde al numero di Follower su Twitter, di Fan su Facebook, di membri dei Gruppi su LinkedIn acquisiti e attribuibili alla campagna realizzata sui social. Più elevato è il loro numero, più aumenta il bacino potenzialmente esposto ai nostri contenuti, più cresce il numero di possibili condivisioni e, pertanto, aumenta il ROI.

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…