Passa ai contenuti principali

Inbound marketing per vendere benessere :cambia il comportamento di acquisto, occorre attrarre i clenti



Per decenni i fitness club hanno adottato strategie di marketing tradizionale per prendere clienti:

  • Spedire offerte a liste di indirizzi

  • Spedire liste di email

  • Coprire con volantinaggio zone limitrofe

  • Fare pubblicità su mezzi locali

  • Affissioni e offerte a liste di indirizzi

  • Spedire liste di email

  • Coprire con volantinaggio zone limitrofe

  • Fare pubblicità su mezzi locali

Se una persona voleva informazioni  riguardo ad un club doveva chiamare o presentarsi a parlare con un venditore e generalmente approfittava della promozione del giorno .
Oggi questa strategia non funziona più…il telemarketing può infastidire
Internet ha cambiato il processo di acquisto, oggi il consumatore prima di comprare si informa sul web, sito, recensioni, confronta e cerca ciò che vuole 
L'pplicazione dell’inbound marketing al settore fitness significa creare contenuti che rimandino al sito per l’acquisizione di lead qualificati che possano interagire con il reparto vendite
Le persone cercano informazioni riguardo quello di cui hanno bisogno, quello che un fitness club può dare loro: quindi primo passo è attrarre queste persone sul vs. sito attraverso magari un blog che indirizzi al sito
Quindi è necessaria la Creazione di una landing page, una pagina dedicata alla raccolta di nominativi dietro una call to action quale iscrizione alla newsletter del centro fitness
La landing page può essere generata direttamente da un link all’interno di un post di facebook ,o di un altro social network
Una volta approdati sulla landing page, gli utenti recuperano parte dei contenuti di proprio interesse ed hanno la possibilità di compilare form di contatti agili per essere ricontattati e per scaricare eventuale coupon omaggio.

Post popolari in questo blog

Inbound marketing per il tuo centro fitness :sei pronto?

Intelligenza artificiale : arrivano i chatbot nel wellness

Intorno al “fenomeno chatbot” stanno nascendo ogni giorno nuovi servizi e nuove imprese.  Il via ufficiale alla corsa ai chatbot l’ha dato Mark Zuckerberg lo scorso 12 aprile quando, in occasione della conferenza a San Francisco dedicata agli sviluppatori, ha presentato i chatbot per Messenger, ovvero i programmi software che utilizzano il servizio di messaggistica di FB quale interfaccia attraverso la quale eseguire un numero determinato e circostanziato di compiti, dal fissare un incontro a dare notizie sul meteo.
Cosa è un bot? Con la parola “bot”, abbreviazione di “robot”, in informatica si intende un programma che ha accesso agli stessi sistemi di comunicazione e interazione con le macchine usate dagli esseri umani. In pratica sono programmi informatici che “parlano” come gli esseri umani. Siri e Cortana, gli assistenti personali messi a disposizione rispettivamente da Apple e Microsoft.
Nell’ambito del customer service, le chatbot utilizzano il potere crescente dell’intelligenza arti…