Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2014

#Palestre ecosostenibili: rassodare fa risparmiare #energia

Le palestre in città sono sempre piene di persone che tentano di rassodare i muscoli, perdere peso, scaricare stress e recuperare il benessere fisico. Se una corsa al parco è gratuita, normalmente la palestra è a pagamento, non solo per l’insoddisfatto frequentatore, ma anche per l’ambiente. Alcuni esempi di palestra a basso impatto ambientale ed energetico sono già stati realizzati. Come? Attraverso lo sforzo fisico, e la bioedilizia! Una volta era “il bue a trainare l’aratro” adesso è l’uomo, ma ne è consapevole, paga per farlo, ed è contento… in compenso l’ambiente ringrazia e si è più soddisfatti di pedalare pur non spostandoci di un metro!

La prima palestra ad utilizzare l’idea di Lucien Gambarota, della MotorWawe, è stata la California Fitness Club di Hong Kong. Le macchine fitness sonostrutturate in modo da convertire l’energia cinetica in elettrica, e poi accumularla. L’energia è prodotta dallo sforzo umano delle pedalate, corsa, attrezzi per braccia, glutei, pancia. L’

Personal trainer negli smartphone, gli utenti non riescono più a farne a meno

LUNGI ormai dall'essere solo 'telefoni' per chiamare qualcuno, gli smartphone tra i vari ruoli 'tuttofare' si sono guadagnati pure quello di personal trainer: grazie alle centinaia di applicazioni a tema, sempre più spesso abbinate a braccialetti 'smart' dotati di sensori evoluti. La conferma arriva dagli Usa, usuali anticipatori delle tendenze 'tech', dove secondo uno studio la maggior parte degli utenti di applicazioni fitness non riesce più a farne a meno.

L'indagine, condotta a marzo scorso da Research Now per Mobiquity su un campione di mille internauti che fanno uso di app di benessere, fitness e salute dal proprio smartphone, evidenzia che un intervistato su quattro consulta questi programmi più volte al giorno. Quasi la metà (il 45%) almeno una volta al giorno. Il 18% vi accede almeno una volta a settimana.
Inoltre quasi due terzi degli interpellati pensa che userà questo tipo di applicazioni sempre più frequentemente nei pro…