lunedì 31 ottobre 2016

Il franchising protagonista nel fitness italiano : piccoli centri in franchising crescono

 Si svolgerà a Milano dal 3 al 5 novembre il Salone del Franchising a Milano e il fitness sarà protagonista.
 Crescono infatti gli imprenditori che decidono di lanciare piccoli centri in franchising.

Dai megacentri sportivi, alle boutique del fitness. Cambia l'approccio imprenditoriale al mondo del wellness in Italia. I grandi impianti sportivi cedono il passo ai piccoli centri del fitness, coniugando crescita di clienti e abbonamenti a rischi imprenditoriali bassi. E' il distretto del cosiddetto fast fitness: brevi sessioni di allenamento che combinano tecnologie dell'elettrostimolazione di ultima generazione con esercizio a corpo libero. 

 
Tra i brand leader in Italia c'è Fit Ando Go, startup del fitness nata nel maggio 2015 su iniziativa di due giovani imprenditori con anni di esperienza nel franchising. Undici centri fitness aperti, circa 3 milioni di fatturato annuo prodotto, più di 800 nuovi clienti acquisiti e oltre 40 dipendenti. Questi i numeri Fit And Go che cresce anche grazie ai bassi costi di franchising che possono partire anche da meno di 30 mila euro.
 

Altro marchio di successo è Mrs.Sporty con oltre 550 club operativi in 9 Paesi e più di 200mila iscritte, grazie a un metodo efficace e innovativo che permette alle donne di tenersi in forma in soli 30 minuti.
Mrs.Sporty è stata valutata in Germania il “Migliore sistema di franchising” per ben tre anni di fila (2012-2014) e garantisce formazione di elevata qualità, strumenti di marketing efficaci e collaudati, supporto continuativo e innovazione costante.
I club hanno dimensioni contenute, l’ambiente è gradevole e rilassato.
L’allenamento a corpo libero è specificamente studiato per loro e il team di allenatori è affiancato da una tecnologia innovativa e vincente che guida le clienti nell’esecuzione degli esercizi rendendo l’allenamento sempre vario e divertente.

Bewellness blog:: Il franchising protagonista nel fitness italiano :...

Bewellness blog:: Il franchising protagonista nel fitness italiano :...:  Si svolgerà a Milano dal 3 al 5 novembre il Salone del Franchising a Milano e il fitness sarà protagonista.  Crescono infatti gli imprend...

Il franchising protagonista nel fitness italiano : piccoli centri in franchising crescono

 Si svolgerà a Milano dal 3 al 5 novembre il Salone del Franchising a Milano e il fitness sarà protagonista.
 Crescono infatti gli imprenditori che decidono di lanciare piccoli centri in franchising.

Dai megacentri sportivi, alle boutique del fitness. Cambia l'approccio imprenditoriale al mondo del wellness in Italia. I grandi impianti sportivi cedono il passo ai piccoli centri del fitness, coniugando crescita di clienti e abbonamenti a rischi imprenditoriali bassi. E' il distretto del cosiddetto fast fitness: brevi sessioni di allenamento che combinano tecnologie dell'elettrostimolazione di ultima generazione con esercizio a corpo libero. 

 
Tra i brand leader in Italia c'è Fit Ando Go, startup del fitness nata nel maggio 2015 su iniziativa di due giovani imprenditori con anni di esperienza nel franchising. Undici centri fitness aperti, circa 3 milioni di fatturato annuo prodotto, più di 800 nuovi clienti acquisiti e oltre 40 dipendenti. Questi i numeri Fit And Go che cresce anche grazie ai bassi costi di franchising che possono partire anche da meno di 30 mila euro.
 

Altro marchio di successo è Mrs.Sporty con oltre 550 club operativi in 9 Paesi e più di 200mila iscritte, grazie a un metodo efficace e innovativo che permette alle donne di tenersi in forma in soli 30 minuti.
Mrs.Sporty è stata valutata in Germania il “Migliore sistema di franchising” per ben tre anni di fila (2012-2014) e garantisce formazione di elevata qualità, strumenti di marketing efficaci e collaudati, supporto continuativo e innovazione costante.
I club hanno dimensioni contenute, l’ambiente è gradevole e rilassato.
L’allenamento a corpo libero è specificamente studiato per loro e il team di allenatori è affiancato da una tecnologia innovativa e vincente che guida le clienti nell’esecuzione degli esercizi rendendo l’allenamento sempre vario e divertente.

lunedì 24 ottobre 2016

La Customer Experience personalizzata per i centri wellness: la prima regola del 2017.


La rivoluzione digitale in atto, l’affermarsi delle nuove tecnologie, sta dando vita ad un nuovo protagonista, il consumatore always connected,  che tramite i propri device mobili è sempre connesso, interagisce con i servizii e fruisce di nuove applicazioni sempre più contestualizzate e personalizzate , soprattutto legate al settore del benessere/fitness,  e della salute. 
Il cliente di un centro wellness, infatti, diventa sempre più omnicanale: 
utilizza tutti i canali anche simultaneamente (sia fisici che digitali) e adotta diversi modelli di approccio all’acquisto (ad esempio si informa online, si confronta con altri utenti e poi si reca nel centro per acquistare.
Il consumatore digitale di oggi si aspetta una Customer Experience personalizzata in ogni momento del Customer Journey, ovvero il percorso che porta un potenziale cliente alla decisione finale di acquisto e attraverso tutti i canali .


Quindi nel 2017 occorrerà creare la figura del Customer Experience Manager.

mercoledì 19 ottobre 2016

YouTube e passione sportiva : sono 8,5 milioni i video legati al tema "sport"

Una indagine commissionata da Google a Ipsos Connect e Flamingo negli Stati Uniti ha studiato come gli appassionati degli sport seguono sul canale You Tube i propri eventi preferiti.

Sul web le persone trovano comtenuti sportivi tradizionali e di nicchia, sia che desiderino gurdare un video su un certo tipo di ntiro o su serecizi per migliorare il proprio servizio quando giocano a tennis o a golf.
Il 79% degli spettatori di programmi sportivi su You Tube afferma che su questo canale trova contenuti non presenti altrove.
Il catalogo di You Tube con 8,5 miglioni di video correlati allo sport , ha generato 280 miliardi di visualizzazioni.
Per chi pratica sport i video on line sono molto utili anche per trovare l'atrezzatura desiderata.
Il 71% sceglie YouTube per imparare cose nuove, come una posizione di yoga
Il 69% sceglie YouTube come guida per svolgere attività ad esempio un allenamento
Il 69% sceglie YouTube in primo luogo per guardare demo di prodotti per fitness e interviste.
Per i brand questo significa che i video che propongono idee, informazioni consigli legati allo sport rappresentano una grande opportunità per pianificare con successo una campagna.

lunedì 17 ottobre 2016

Fitness on demand :le nuove start app a supporto dell'atttività fisica



Il 25 ottobre 2016,  9 startup saranno protagoniste dell’H-Farm Startup Day (a Smau Milano), in cui presenteranno il loro progetto con l’obiettivo di avvicinarsi al mercato e farsi conoscere a imprenditori, investitori, aziende e operatori del settore.
 N°4 quattro di queste rientrano nell’ambito del terzo Technogym Wellness Accelerator:


  • Fitsapppiani di allenamento personalizzabili, composti da sessioni di esercizi e da brevi meditazioni guidate che migliorano le performance.
  •  Fitssiapp iOS che collega gli utenti a personal trainer certificati, attraverso una soluzione on-demand, social ed economica.
  •  Roundstay: aiuta chi viaggia a mantenersi in salute, offrendo una selezione di hotel “attivi” con servizi di fitness e benessere e dando suggerimenti su attività e prodotti che per restare in forma anche quando si viaggia.
  •  Train Me FlairTrip Advisor per l’industria del fitness. Valuta i personal trainer sulla base della loro esperienza e del feedback degli utenti, assegnando un punteggio. I membri delle palestre possono usare il servizio per scoprire i personal trainer più adatti a loro.

Durante il percorso di accelerazione hanno lavorato duramente sul loro progetto per renderlo appetibile al mercato ed hanno potuto farlo facendo affidamento sui consigli e l’esperienza di aziende leader di settore nel panorama internazionale.